video PARTITO COMUNISTA D'ITALIA ,comunisti italiani

Loading...

domenica 10 marzo 2013

ELEZIONI POLITICHE

ELEZIONI POLITICHE 2013 (Camera dei Deputati)

VOTANTI                  35.271.541  75,19%            

PARTITO DEMOCRATICO 
                 voti   8.644.523    25,42%       seggi   292
SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA' 
                  "     1.089.409      3,20%          "      37
POPOLO DELLA LIBERTA'
                   "     7.332.972     21,56%          "      97
LEGA NORD
                   "     1.390.014      4,08%           "     18
MOVIMENTO 5 STELLE 
                  "     8.689.458     25,55%          "     108
RIVOLUZIONE CIVILE
                  "       765.188       2,25%           "       0


ELEZIONI POLITICHE 2008 (Camera dei Deputati)

VOTANTI                 36.457.254  

PARTITO DEMOCRATICO 
                voti  12.095.306   33,17%       seggi  211
ITALIA DEI VALORI
                   "      1.594.024     4,37%         "       28
SINISTRA ARCOBALENO  
                   "      1.124.298     3,08%         "        0 
POPOLO DELLA LIBERTA' 
                  "     13.629.464   37,38%        "      272
LEGA NORD     
                  "       3.024.543     8,29%        "        60

DIFFERENZE 2013/2008

PARTITO DEMOCRATICO  
                 voti  - 3.450.783  -  7,75%        seggi  +  81
SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'
                voti   +1.089.409  + 3,20%        seggi     + 37
POPOLO DELLA LIBERTA'        
                voti    - 6.296.492  - 15,82%      seggi    - 175
LEGA NORD                        
               voti    -1.634.529  -   4,21%        seggi    -  42  
MOVIMENTO 5 STELLE
               voti    +8.689.458  +25,55%            seggi +108
Rivoluzione civile, Italia dei Valori, Arcobaleno
               voti   - 1.953.134    -5,20%         seggi       - 28


Basterebbe leggere questi dati per definire le ultime elezioni politiche un disastro per tutti i Partiti tranne per il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo. Disastro da parametrare proporzionalmente alla grandezza di ogni formazione politica. E' sbagliato affermare che la responsabilità è di taluni e non di tal altri. Addossare le responsabilità del disastro alle formazioni minori significa far finta di niente e dimenticare il contesto in cui siamo. 
I Partiti, le forze sociali e supporter della carta stampata e delle tv che hanno sostenuto il governo di Mario Monti hanno subito una sonora sconfitta. Sono risultate indigeste al popolo italiano le politiche di risanamento economico e le ricette che si vogliono impartire da entrambe le coalizioni governiste. Ancor meno il programma proposto da Rivoluzione civile con Antonio Ingroia.
La vittoria straripante del Movimento 5stelle risponde, in parte, ai bisogni e alle volontà degli elettori,  assorbendo consensi da sinistra e da destra indistintamente. Le elezioni hanno un unico denominatore: l'aumento costante dell'astensionismo. milioni di italiani non si riconoscono in nessuna formazione o movimento. Dell'astensionismo ci si dimentica facilmente perchè metterebbe in dubbio l'efficacia dei sistemi elettorali vigenti.


Posta un commento