video PARTITO COMUNISTA D'ITALIA ,comunisti italiani

Loading...

domenica 21 giugno 2015

PARTITO COMUNISTA costituente


 
 

Oggi, in edicola, acquistando il Manifesto troverete il documento-appello per la Costituente Comunista, il Partito comunista per il XXI° secolo.
 
L'Associazione per la ricostruzione del partito comunista, in applicazione dello specifico intento che ha ispirato la sua nascita, ha deciso di promuovere un processo costituente il cui esito dovrà, appunto, essere la costituzione di un nuovo, unificato, rigenerato partito comunista: un partito comunista degno di questo nome e all'altezza dei compiti imposti dal persistere della crisi strutturale del sistema capitalistico e dalla contestuale involuzione delle condizioni di vita e di lavoro del grosso della popolazione. L'impresa non è delle più semplici, ma da qualche luogo e da qualcuno occorre cominciare. Siamo infatti convinti che, stanti le disastrate condizioni in cui versa la sinistra nel nostro Paese - attraversata da una crisi che è politica, morale e istituzionale - sia urgente ricomporre una presenza organizzata delle comuniste e dei comunisti. A tale questione è dedicato il Manifesto che qui di seguito presentiamo.
 
Nell’attuale contesto frammentato della sinistra italiana, siamo a tutt’oggi variamente collocati; ma condividiamo, sul che fare, due convinzioni fondamentali:
  • Di fronte alla crisi strutturale e sistemica del capitalismo, la più profonda dopo quella del 1929, che ha dimensioni mondiali e gravi ripercussioni anche nel nostro Paese; e a fronte dell’involuzione neo-centrista del Partito Democratico, che sta portando l’Italia verso il modello americano e sta distruggendo le fondamenta della Costituzione repubblicana e antifascista, è ancora più urgente dare corpo ad una presenza unitaria della sinistra: che aggreghi tutte le sue componenti (comunista, anti-capitalista, socialista e anti-liberista e i soggetti anticapitalisti presenti anche in modo rilevante nella società italiana, benché non organizzati) su un programma minimo condiviso; e ricostruisca una rappresentanza politica del mondo del lavoro e delle classi subalterne, schiacciate dall’offensiva di classe scatenata da oltre due decenni dal capitale, nazionale e sovranazionale.
  • E’ indispensabile che all’interno di una sinistra così aggregata, nella forma di un fronte ampio strutturato e operante in modo unitario, si ricostruisca e si consolidi una presenza comunista autonoma, che si proponga la sua riorganizzazione in partito, che sappia unire in questo processo tutte le forze comuniste con una cultura politica affine, che in vario modo si richiamano, attualizzandolo, al miglior patrimonio politico e ideologico dell’esperienza storica del PCI, della sinistra di classe italiana e del movimento comunista internazionale e alla migliore tradizione marxista, a partire dal contributo di Lenin e Gramsci. Con una chiara collocazione internazionalista e antimperialista; consapevole che, a fronte di un imperialismo che mira a scardinare la sovranità nazionale di molti paesi per piegarne la resistenza, la difesa di tale sovranità assume nella nostra epoca un grande rilievo ed è precondizione per l’affermazione del protagonismo dei popoli.
 

Posta un commento